enit +39 328 4837401 info@iviaggidellorigano.com

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Birth Date*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Already a member?

Login
+39 328 4837401 info@iviaggidellorigano.com
enit

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Birth Date*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Already a member?

Login

Nuovi itinerari di CICLOTURISMO: pedalare in Molise sarà la prossima esperienza di tendenza in fatto di viaggi?

Probabilmente oltre alla spiccata, stoica forza di volontà, è la propensione ai silenzi, unità a una certa sensibilità ambientale, a costruire l’identikit del cicloturista tipo. L’idea di lunghi spostamenti, confrontandosi con le proprie risorse e traendone ulteriori, qualora dovessero venir meno, dalla potenza dei paesaggi, dalla carica di adrenalina che sta nel costruirsi e viversi un “cammino” cm dopo cm, gustandone ogni curva, salita, discesa, avversità, sta alla base di questo sempre più diffuso concept di peregrinazione organizzata.

Se il viaggio è in ogni caso una forma di avventura, e affrontarlo a piedi è il sistema più naturale e ancestrale di concepirlo, quello in biciletta rappresenta forse l’alternativa più romantica, poetica, con un pensiero ecologista al futuro e uno sguardo nostalgico ai due secoli (XIX e XX) che ci hanno preceduti, ricercando ed evocando immagini suggestive; le pedalate dei nostri avi dalle campagne verso i centri per raggiungere la scuola o il lavoro, i dipinti futuristi, lo zig-zag dei portalettere arrampicandosi lungo le stradine dei borghi, le imprese e le sfide dei grandi miti del ciclismo, coppie d’innamorati scambiarsi effusioni in equilibrio su una Graziella… Poesia!

Lo stivale italiano, con le sue infinite, sorprendenti ricchezze e soprattutto diversità paesaggistiche, ambientalistiche, architettoniche e culturali, offre al cicloturista un imponente catalogo di suggestioni e quindi repentini cambiamenti di queste, che lo rendono il posto ideale per viaggi su due ruote ad alta intensità.

Anello di congiunzione tra l’Italia Centrale e quella del sud è la piccola regione Molise, la quale in fatto di turismo è da qualche tempo sulla cresta dell’onda, a seguito di una vivace scoperta e riscoperta dei suoi luoghi e dei suoi tesori. Non potevano quindi mancare proposte di viaggio che soddisfacessero anche gli amanti del velocipede. Oltre al mondo della mountain bike lungo piste e tratturi, si sono costruite proposte per andare incontro a chi fosse in cerca di tragitti con lunghi spostamenti e diversi giorni di avventura. Come quello che dai pressi della capitale, esattamente dai Monti Sabini, muove in direzione del Parco Nazionale dei Monti della Laga e del Gran Sasso, e ancora attraversa il Parco Nazionale d’Abruzzo e quello della Maiella, quindi la Riserva Naturale WWF Gole del Sagittario e quella MAB di Montedimezzo, ripercorrendo lunghi tratti degli antichi tratturi, per pedalare in Molise dalla provincia di Isernia, a quella di Campobasso e concludersi nel cuore dei Frentani.

Un affascinante diario di sei giorni che taglia in due l’Italia Centrale e consegna ai ciclisti un repertorio di suggestioni ed emozioni più unico che raro. Itinerario che si corrobora con un’attenta selezione di “campi base” per pranzi, cene e pernotti, tra agriturismi di livello e strutture unconventional, che tenga sempre a mente la predisposizione all’eco sostenibilità e ovviamente un radicato legame con il territorio. È doveroso precisare, per chi non fosse avvezzo a tali pratiche, che è fondamentale strutturare il viaggio in maniera seria e garantire assistenza e collaborazione ai partecipanti, affinché possano fronteggiare guasti o inconvenienti o anche solo per personalizzare il percorso. In questo caso le opzioni sono decisamente cospicue.

Tanto altro si potrebbe scrivere su questa avventura, entrando nei dettagli e rimestando i contenuti da cima a fondo, ma siamo sicuri che non saranno le parole ad accrescere o placare il bisogno di inforcare una biciletta e sentire il viaggio soffiare sulla faccia.

Pedalare e vivere il Molise potrebbe presto diventare una tendenza. I presupposti ci sono tutti. Abbiamo provato a mettervi la pulce nell’orecchio. Incrociamo le dita.

Foto: Mario Sironi, Il ciclista (1916)

 

 

 

 

Leave a Reply